« AGOSTO 2017 » 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Mostra “Costruire la Basilicata" dal 10 al 17 Settembre- Palazzo Medici Riccardi - Firenze 6 settembre 2016

La prestigiosa cornice della Galleria delle Carrozze presso Palazzo Medici Riccardi in Firenze ospiterà, dal 10 al 17 Settembre e nell’ambito della settimana lucana, la mostra “Costruire la Basilicata. Il lavoro e la formazione in un secolo di fotografie d’autore”.

La mostra ripercorre un itinerario sull’ampia tematica dello sviluppo e più in particolare sulla storia del lavoro e della formazione in Basilicata in riferimento, in particolare, al fondo Sociale Europeo, scegliendo di farlo attraverso la fotografia.

Il percorso espositivo illustra come l’istruzione e la formazione professionale hanno assunto un ruolo fondamentale per lo sviluppo economico, sociale e culturale in cui il Fondo Sociale Europeo ha giocato un ruolo di primaria importanza nelle azioni di incentivo socioeconomico.

La mostra è divisa in quattro sezioni:
Lavori d’altri tempi? Intende sottolineare la soluzione di continuità tra un passato che non è del tutto estinto ed un presente che riconferma questo passato al fine di preservarlo.
Basilicata in costruzione è l’anima della mostra e cerca di offrire un racconto per immagini che illustri lo sviluppo. Faticoso ma costante, di una regione.

Dalle scuole di mestiere al Fondo Sociale Europeo, ricostruisce un percorso che, partendo dalle scuole di mestiere di inizio Novecento, muove verso le prime attività imprenditoriali rivolte in particolare al sociale e giunge ai giorni nostri, ad una Basilicata sempre più proiettata verso l’Europa, in cui la creazione di nuovi sapere, che investono campi eterogenei, diventa essenziale per la tenuta economica e sociale del territorio.

Sguardi d’oggi interpreta il tema del lavoro e della formazione attraverso lo sguardo di un gruppo di fotografi lucani: dai loro scatti si evidenzia pienamente la dicotomia di questi tempi in cui, al sentimento di precarietà, legato all’incertezza dei tempi, si affianca altrettanto tenacemente la voglia di reagire attraverso la crescita di nuove capacità che possono rappresentare lo strumento utile a guidarci fuori dalla crisi.

Attraverso il percorso espositivo sarà possibile conoscere come proseguirà l’intervento del Fondo Sociale Europeo con la programmazione 2014/2020, quali sono le opportunità offerte e quali i destinatari dei progetti.